PITTI UOMO 93: LA PAROLA AGLI ESPOSITORI

_espositori - SKUP.jpg
Paolo Roviera, Chief Executive Officer di Corneliani:
Pitti Uomo è la piattaforma ideale per il menswear e offre al nostro brand l’occasione di mostrare il concept, il prodotto, la sua evoluzione in modo coerente e completo. Tengo moltissimo a ringraziare il suo team, per averci dato la possibilità di rappresentare la nostra azienda secondo le nostre necessità: abbiamo avuto piena autonomia creativa con tutto il supporto possibile da parte dell’organizzazione. Una piattaforma vincente, ben strutturata e organizzata. Abbiamo registrato una grande affluenza di compratori sia italiani che internazionali, e non posso che dichiararmi soddisfatto! Sicuramente rafforzeremo la nostra presenza anche nelle prossime edizioni.

Gianni Giannini, President and Creative Director di Doucal’s:
Pitti Uomo è una fiera molto importante e la sua organizzazione è splendida. Il suo team è da sempre attento alle esigenze delle aziende e alle richieste del mercato, pronto a percepire quando un brand stia crescendo ed offrirgli una possibilità più ampia di presentazione. Per questo è andata benissimo anche questa edizione! Le belle cose e la sartorialità italiana vengono ancora apprezzate in tutto il mondo: grande affluenza di buyer internazionali – nel nostro caso in modo particolare europei, russi e orientali – e della stampa di settore.

Alessandro Boglione, Chief Executive Officer di BasicNet Italia (Kappa):
La fiera è andata molto bene! Avevamo già partecipato a Pitti Uomo con altri brand del gruppo. Questa edizione abbiamo portato il brand Kappa per presentare il ritorno di uno dei suoi capisaldi, la banda con il logo Omini, e ha riscosso grande successo da parte di tutti gli addetti ai lavori. Avevamo addirittura la fila fuori dallo stand! Ottima organizzazione, torneremo sicuramente alla prossima edizione.

Claudio Marenzi, Presidente di Herno:
Le mie impressioni? Sono molto soddisfatto, i numeri che abbiamo registrato confermano il trend positivo riscontrato negli scorsi anni. Ho notato una crescita significativa del mercato italiano, i buyer dei negozi importanti sono tornati tutti a visitare la fiera e questo è un dato molto importante. Oltre al grande interesse italiano, una forte presenza europea, in modo particolare tedesca e nordeuropea, e da parte del mercato giapponese. 

Ludo Onnink, Executive Chairman di Denham:
Questa edizione vanta indubbiamente un trend positivo: tantissimo movimento negli stand, tutti i brand sono davvero interessanti e ben presentati, un’energia incredibile! Abbiamo deciso di tornare a Pitti Uomo perché quest’anno celebriamo i dieci anni della nostra azienda. La fiera sta diventando sempre più contemporanea e attenta alle nuove tendenze dello streetwear, quale migliore occasione? Una nota a parte merita l’organizzazione, straordinaria..

John Laster, Distribution Sales & New Business Director di Stutterheim:
Pitti Uomo è una vetrina importantissima e uno degli show più consolidati per il mondo del menswear. La fiera segna l’inizio della stagione: tutto parte da qui e il suo stile è sempre più internazionale. In questa edizione ho notato un pubblico davvero di altissima qualità e molto focalizzato. Impossibile mancare!
Chris Olberding, Presidente di Gitman & Gitman Vintage:
Sono oltre dieci anni che partecipiamo a Pitti Uomo. E’ il posto ideale per iniziare la stagione, e il mio preferito. Un’ottima partenza caratterizzata da un’atmosfera positiva e una grande qualità di buyer e stampa. I compratori che sono passati dallo stand in questi giorni? Italiani, europei, giapponesi, americani… da tutto il mondo!
Rosa Catapano
La Redazione
Written By
More from la redazione

Kiss Me Licia compie 35 anni: ve la ricordate?

Un giorno di pioggia di 35 anni fa, Andrea e Giuliano incontrarono...
Read More