Ancora questioni su ‘Mark Caltagirone’, parla Karina Cascella è chiede scusa a…

Non sappiamo se l’argomento  ‘Mark Caltagirone’ sia finita per davvero, ma adesso c’è una novità: questione di ‘scuse’ e stiamo parlando di Karina Cascella per Pamela Prati. Karina è diventata opinionista nei salotti di Barbara D’Urso da Pomeriggio 5 fino a ‘Live- Non è la D’Urso’, programma serale in onda il mercoledì su Canale 5. In quest’ultimo programma è stata opinionista soprattutto sulla storia di Pamela Prati. Tante cose sono venute a galla fino adesso (e chissà se domani c’è ne saranno altre) . E’ vero si forse tante persone hanno ‘insultato’ Pamela per questa storia e forse anche Karina. (continua a leggere dopo la foto)

Tempo fa purtroppo, non si sa se era agitata, arrabbiata o c’era qualche altro motivo la Cascella si è fatta scappare parole brutte: ‘’ (..)Vergognati perché fai schifo (…)’’ . Solo ora se ne reso conto infatti ha chiesto scusa a Pamela Prati tramite post su instagram: ”(…) Sono quattro le parole pronunciate ed erano riferite a @pamelaprati . Sono passate delle settimane da quella sera ho iniziato ad analizzare perché le avevo dette, come le avevo dette, e a dare un peso a tutto. Io da donna ho detto ad un’altra donna: “Vergognati perché fai schifo” beh…non è corretto, ne televisivamente parlando, né umanamente e per questo chiedo scusa a Pamela. (..) credo che sia cosa buona e giusta, fare un passo indietro. Ad oggi non so dove stia esattamente la verità, perché credo che i diretti interessati e giustamente gli avvocati che si occupano della parte legale della vicenda, sappiano quale sia lo stato attuale delle cose, come è giusto che sia. Spero per @pamelaprati che la verità possa venire fuori e che lei possa ritrovare serenità. Senza lacrime, sorridendo tra donne. Non volevo alimentare odio verso nessuno, e non è mai stato quello il mio intento nè mai lo sará.

Pamela accetterà le sue scuse?!

Written By
More from la redazione

Dalle serie tv a lavori normali

Sono molte le star che decidono di cambiare lavoro e quindi lasciare...
Read More