LUCE D’ARTISTA ALLA MOLE DI TORINO

L’opera di Mario Merz denominata “Il volo dei numeri”, sita sulla Mole Antonelliana a Torino resterà sempre accesa.

I numeri “in volo” nell’installazione di Merz sono quelli della serie di Leonardo Pisano, detto Fibonacci, serie su cui si è ispirato Merz.

Il matematico medievale toscano, così sintetizzava la progressione che, in natura, determina la crescita e la proliferazione delle forme: in questa successione, ogni numero è la somma dei due precedenti.

L’artista di tale opera, è stato anche il primo ad utilizzare la luce fluorescente come metafora all’energia.

L’opera illuminata costantemente si amalgamerà, diventando un tutt’uno con il monumento che rappresenta il simbolo della città.

Letizia Bonelli

La Redazione

 

Written By
More from la redazione

10 cose che vorremmo cancellare (per sempre) del GF15

 Il GF15 by Barbara D’Urso è giunto al termine, con la vittoria di Alberto...
Read More